Vini_iNobel_5
Vini_fotoCR_2
Vini_fotoCR_3

ROSE’ DEL CRISTO
Lambrusco di Sorbara DOC – Spumante Brut – Metodo Classico

PRESA DI SPUMA

“La vita è una meravigliosa
occasione fugace da acciuffare al volo
tuffandosi dentro in allegra libertà.”

Dario Fo
(Premio Nobel per la Letteratura, 1997)

CLASSICO, ANTICO E MODERNISSIMO

Vinificare il Lambrusco secondo il Metodo Classico è stato come elevare il popolo intero a nobiltà o, se preferite, “acciuffare la vita in allegra libertà”, come suggerisce da par suo il Nobel Dario Fo.
Tentare la “méthode champenoise” per il Sorbara, un vino ritenuto fino ad allora “democraticamente popolare”, è stata la sfida ampiamente vinta in terra modenese. Ovvero, sperimentare per i vitigni locali un’antica tecnica inventata secondo leggenda dal monaco Dom Pérignon nel XVII secolo.
L’idea fu quella di fare spumante senza autoclave, con la nota rifermentazione in bottiglia, per ottenere uno straordinario vino senza il fondo. Improvvisamente, in Val Secchia i vignaioli diventano avvezzi a termini come remuage, dégorgement e liqueur d’expedition, mentre il Lambrusco Brut, specie quello Rosé, incontra i favori del consumatore. A ben vedere, è proprio il Sorbara, per le sue note caratteristiche di alta acidità e moderato tasso alcolico, ad avvicinarsi in modo naturale alle basi a bacca nera dello Champagne d’oltralpe.